sito ottimizzato per

Internet Explorer

          ultimo aggiornamento
          7 Febbraio 2016


        oggi è
                   

_________________

 

 

 

 

 

 

           

       

       

 

 

        

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

 

 

.

 

 

 

 .

 

 

.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

       CSEL © 2003

.

     Credits

 

.

.

Università degli Studi di Padova

.

informazioni didattiche

per l'insegnamento di

Storia economica

del mondo contemporaneo

a.a. 2015-16

prof. Giorgio Roverato

e-mail
giorgio.roverato@unipd.it

 

(CdL Magistrale in Scienze Storiche)

.________




 

Il corso si divide in due parti.

LA PRIMA indagherà con metodo comparato l'evoluzione economica, soprattutto industriale, di Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia, Spagna pre-franchista, Russia zarista, Giap- pone e Stati Uniti, vista attraverso la chiave interpretativa del- l'istituzione "impresa", ovvero la forma organizzativa di cui si è dotata nel tempo l'economia capitalistica. Tale analisi com- parata comincerà dagli Stati Uniti, e non dal paese (la Gran Bretagna) in cui prese avvio la cd. Rivoluzione industriale. E ciò perché fu negli Stati Uniti, già alla fine dell'800 la più grande macchina produttiva del mondo, che la "forma impresa" ebbe il più rapido sviluppo, e dove nacque e si sviluppò la grande im- presa i cui modelli organizzativi, gestionali e contabili influenza- rono significativamente le imprese degli altri paesi. Una parti-colare attenzione verrà dedicata poi alle pulsioni imprenditoriali, indagando se la propensione a intraprendere presenti caratteri-stiche peculiari a seconda dei paesi in cui essa si andò manife-stando. 
LA SECONDA PARTE si soffermerà invece su un tema mono- grafico: l'approdo all'industrializzazione del Veneto, ovvero di un territorio caratterizzato più che dalla grande impresa, che pure non fu assente, a un tessuto di piccole/piccolissime imprese. Le lezioni verteranno sulla trasformazione di una economia quasi totalmente basata sulle attività agricole a una tra le più vivaci aree manifatturiere dell'Unione Europea, tracciando il percorso di lunga durata di tale evoluzione, e contrastando la tesi, ancor oggi ricorrente, che il Veneto arrivò tardi all'industrializzazione, mettendo invece in luce che la regione ebbe uno sviluppo in linea con il resto del Nord Italia, pur presentando caratteristiche pe- culiari riassumibili in un processo di "transizione dolce" ai nuovi modelli produttivi.

 

***

 

"Cliccando" su PROGRAMMA

nella colonna a sinistra,

si può leggere e/o "scaricare" il PDF

contenente l'articolazione

di massima delle lezioni,

nonché l'indicazione

dei testi di riferimento per l'esame.

 

***

 

Dal riquadro SLIDES si accede invece

ai PDF delle slides presentate

ogni giorno a lezione.